Utility menu: Versione grafica | Versione testo | Versione alto contrasto | Accessibilità | Riduci carattere (-) | Aumenta carattere (+) | Versione stampabile

Presentazione

L'Unione Italiana dei Ciechi, fondata a Genova il 26 ottobre del 1920, ha per Legge la Rappresentanza e la tutela degli interessi morali e materiali di tutti i non vedenti; oggi essa tutela e rappresenta anche i cittadini ipovedenti, definiti tali ai sensi della Legge 3 aprile 2001, n. 138: ovvero, tutti i cittadini il cui residuo visivo nell'occhio migliore non è superiore a tre decimi con eventuale correzione di lenti.

News

Richiesta di incontro con il Ministro Gelmini

Si riporta qui di seguito la richiesta trasmessa a firma congiunta della FAND e della FISH.



Al Ministro dell'Istruzione

On. Mariastella Gelmini

Viale Trastevere, 76/a

00153 ROMA



 




OGGETTO: richiesta di incontro


 




Onorevole Signor Ministro,


nonostante il tempo trascorso dalla ratifica della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilita', avvenuta con la L. 18/09 e l'insediamento dell'Osservatorio Nazionale sul monitoraggio della stessa, rimangono ancora irrisolti molti problemi che afferiscono all'inclusione scolastica degli alunni disabili.

Si pone  e si impone, quindi, la necessita' di affrontare - nel corso di un incontro che Ella vorra' cortesemente fissarci con ogni consentita urgenza - le tematiche appresso elencate:

- sovraffollamento delle classi frequentate da alunni con disabilita' in contrasto con quanto disposto dall'art. 5 comma 2, del d.P.R.  n. 81/09;

-  acclarata indisponibilita' da parte degli operatori  delle unita' multidisciplinari delle AASSLL a  far pervenire in tempi utili la documentazione necessaria all'inclusione scolastica  ed  a partecipare    alle riunioni di Gruppi di Lavoro sull'Handicap;

- aggiornamento dei docenti per il sostegno con particolare attenzione ai bisogni educativi speciali derivanti da singole tipologie di minorazioni (visive, uditive, intellettive, relazionali etc );

- abolizione delle aree disciplinari per il sostegno nelle scuole superiori ed istituzione di una nuova classe di concorso per tali docenti, divisa per ordini di scuola;

- inosservanza dell'obbligo di formazione in servizio dei docenti curricolari, in tema di didattica per l'inclusione, malgrado il pressante invito contenuto nelle Linee-guida diramate dal MIUR;

- formazione di gruppi di soli alunni con disabilita' (sedicenti laboratori) che ripristinano di fatto le classi differenziali e speciali, nonostante il divieto previsto dalle Linee-guida citate;

- contrazione del numero e della qualita' degli assistenti per l'autonomia e la comunicazione da parte degli Enti locali a causa dei tagli finanziari;

- assenze scolastiche di alunni con disabilita' gravi, cagionevoli di salute, ai fini della validita' dell'anno scolastico (previsione di norme in deroga);

- discontinuita' didattica dei docenti per il sostegno a causa di contratti di lavoro annuali che creano  gravissimo disagio specie agli alunni con disabilita' intellettive e relazionali;

- formazione iniziale di tutti i docenti, emanazione della normativa secondaria in tema di inclusione di alunni con DSA per quanto riguarda l'esonero dallo studio di lingue straniere.

In merito a quanto sopra, si reputa conclusivamente opportuno evidenziare  che la ricerca , effettuata dal CNR  per conto del Governo sul monitoraggio dell'adeguamento della normativa italiana alla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilita' , espressamente propone una modifica sull'obbligo di formazione di tutti i docenti sulle tematiche dell'inclusione e sulla necessita' di introdurre il nuovo concetto di disabilita' alla luce degli ICF dell'OMS.


 


Quanto dinnanzi esposto si e' ritenuto di segnalare  alla Sua sensibile  attenzione affinche' non manchi il conforto di un personale, quanto convinto, Suo interessamento e sostegno per il superamento di una condizione di manifesta iniquita' che viene profondamente a colpire soggetti meritevoli di particolare attenzione (alunni disabili e loro familiari).


 


In attesa di un cortese ed urgente riscontro, si ringrazia sentitamente e si porgono distinti saluti.

 


 


Il Presidente Nazionale Fish

Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap

Il Presidente Nazionale Fand

Federazione tra le Associazioni Nazionali

dei Disabili

Pietro Vittorio Barbieri

Giovanni Pagano


 


 

(Inserito il 18-03-2011)

«- Precedente    Successiva